Concorso colposo in omicidio doloso | studio legale avvocato Aduasio – Andria

Concorso colposo in omicidio doloso

Risponde di concorso colposo in omicidio doloso
chi rilascia la licenza di porto d’armi

Nota a sentenza Cass. penale, Sez. IV, n. 32567 del 6 luglio 2016

Avv. Simona Aduasio

La sentenza in commento concerne la nota vicenda dell’omicidio di due funzionarie della Regione Umbria, uccise nel 2013 da A.Z. in quanto responsabili di un procedimento amministrativo riguardante un’associazione della famiglia dell’assassino.
L’autore del duplice omicidio, dopo aver esploso numerosi colpi all’indirizzo delle due donne con una pistola semiautomatica appena acquistata, si suicidava.

La sezione IV della Corte di Cassazione si occupa, nella sentenza de qua, della vexata quaestio dell’ammissibilità del concorso colposo nel delitto doloso.

In particolare, il Procuratore della Repubblica di Perugia proponeva ricorso per Cassazione avverso la sentenza di non luogo a procedere pronunciata dal G.U.P. del Tribunale perugino nei confronti di C.E.C. e M.L.T. (responsabili del procedimento di rinnovo della licenza di porto d’armi), imputati del delitto di concorso colposo nell’omicidio doloso commesso da A.Z., deducendo due motivi di doglianza.

Il P.M. ricorrente lamentava violazione di legge con riferimento all’esclusione dell’ipotizzabilità in astratto del concorso colposo nel delitto doloso e, con il secondo motivo, violazione di legge con riguardo all’esclusione del nesso causale tra le condotte contestate agli imputati e l’uccisione delle due vittime, in riferimento alla cd. causalità della colpa.

I motivi di ricorso, entrambi fondati, hanno fornito alla IV sezione della Corte di Cassazione l’occasione per ritenere ammissibile in astratto il concorso colposo nel delitto doloso, nonché ravvisabile nel caso di specie la cd. causalità della colpa.

Con specifico riguardo al primo profilo va ricordato che la dottrina prevalente, cui l’impugnata sentenza del G.U.P. di Perugia aderisce, è orientata nel senso dell’inammissibilità del concorso colposo nel delitto doloso.

La Corte di Cassazione

La Corte di Cassazione, con la pronuncia che si annota, opta invece per l’opposta tesi dell’ammissibilità, sostenuta dall’ormai pacifica giurisprudenza di legittimità. Rilevano invero gli Ermellini che l’art. 42 co. 2 c.p. si riferisce solo alla parte speciale e non anche alle disposizioni di cui agli artt. 110 e 113 c.p.

La IV sezione soggiunge peraltro – richiamando la propria pronuncia n. 22042 del 27 aprile 2015 – che, affinché possa ritenersi configurabile il concorso colposo nel delitto doloso, è “necessario che il reato del partecipe sia previsto dalla legge anche nella forma colposa e nella condotta dell’autore siano presenti gli elementi della colpa e, in particolare, la finalizzazione della regola cautelare violata alla prevenzione del rischio dell’atto doloso del terzo e la prevedibilità per l’agente dell’atto del terzo”.

I giudici di piazza Cavour accolgono altresì il secondo motivo di impugnazione sul rilievo che dalla stessa sentenza del G.U.P. del Tribunale di Perugia emergesse che le regole cautelari violate dagli imputati C.E.C. e M.L.T. fossero volte ad evitare eventi della specie di quello verificatosi.

concorso colposo in omicidio doloso

Va infatti sottolineato che l’autore del duplice omicidio doloso, munito di licenza di porto del fucile per tiro a volo dal 1998, era stato attinto nel 2009 (circa quattro anni prima della commissione del delitto) da un provvedimento di divieto d’urgenza di detenere armi e munizioni emesso dalla Prefettura di Perugia  in relazione alla sua sottoposizione a trattamento sanitario obbligatorio (T.S.O.).

Nel 2012 A.Z. presentava istanza di rinnovo del porto d’armi in Questura, in seguito alla quale l’imputato C.E.C. curava l’istruttoria della pratica e l’imputata M.L.T. rilasciava l’autorizzazione al rinnovo stesso.

Ciò che si contesta pertanto ai due imputati di concorso colposo nell’omicidio doloso è di aver violato le regole cautelari discendenti dalle rispettive posizioni di garanzia in relazione ai compiti loro assegnati.
Gli stessi infatti non verificavano le ragioni che nel 2009 avevano indotto la Prefettura a vietare ad A.Z. la detenzione di armi o munizioni: tale accertamento avrebbe consentito loro di constatare che il divieto era seguìto allo stato di salute mentale dell’autore del duplice omicidio doloso che, sottoposto a T.S.O., non offriva più garanzie circa un corretto uso delle armi.

In ragione di quanto illustrato, la Cassazione ha pertanto ritenuto sussistenti i profili della colpa: in particolare, la violazione da parte degli imputati delle regole cautelari proprie dell’istruttoria loro affidata, che miravano per l’appunto a prevenire eventi della stessa specie di quello verificatosi.

In conclusione la Suprema Corte, accogliendo i due motivi di ricorso del Procuratore generale, ha annullato la sentenza impugnata con rinvio al Tribunale di Perugia.

Avv. Simona Aduasio

Leggi su Salvis Juribus

Lo studio legale dell’avvocato Simona Aduasio
si occupa prevalentemente di:

Contatta l’Avvocato Aduasio

concorso colposo in omicidio doloso

    Il tuo nome (obbligatorio)

    La tua email (obbligatoria)

    Il tuo telefono (obbligatorio)

    L'Avv. Aduasio potrebbe contattarti telefonicamente: a che ora preferisci?
    Ore 9,00 / 12,00Ore 13,00 / 16,00Ore 17,00 / 21,00

    La tua richiesta in breve

    Il tuo messaggio

    Se desideri puoi inviare un documento o immagine inerente (max 3mb)

    Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo il D.Lgs 196/2003

    Contatta ora l'Avvocato

    tel. 0883 897474
    mob. 328 6503414
    fax 0883 1921240
    Andria – Piazza Ruggero Settimo, 24

    VOGLIO ISCRIVERMI ALLA NEWSLETTER

    L’Avvocato

    La sua missione non si limita alla esecuzione fedele di un mandato nell’ambito della legge. In uno Stato di diritto l’avvocato è indispensabile alla giustizia e a coloro di cui deve difendere i diritti e le libertà; egli è tanto il consulente quanto il difensore del proprio cliente.
    I rapporti di fiducia non possono esistere se vi è dubbio sulla onestà, la probità, la rettitudine o la sincerità dell’avvocato. Per l’avvocato queste virtù tradizionali costituiscono obblighi professionali.
    È nella natura stessa della missione dell’avvocato che egli sia depositario dei segreti del suo cliente e destinatario di comunicazioni confidenziali. Senza la garanzia della riservatezza non vi può essere fiducia. Il segreto professionale è dunque riconosciuto come un diritto e un dovere fondamentale e primordiale dell’avvocato. L’obbligo del segreto per l’avvocato serve l’interesse dell’amministrazione della giustizia così come l’interesse del cliente. È per questo che esso riceve una speciale protezione dallo Stato.
    Nel rispetto delle disposizioni di legge e deontologiche, l’avvocato ha l’obbligo di difendere sempre nel miglior modo possibile gli interessi del cliente, anche nel conflitto con i propri interessi, quelli di un collega o quelli della professione in generale.
    L’avvocato consiglia e difende il cliente tempestivamente, coscienziosamente e con diligenza. Egli assume personalmente la responsabilità del mandato che gli è stato affidato. Egli informa il cliente dell’andamento dell’incarico affidatogli.
    L’avvocato deve in ogni circostanza osservare il principio del contraddittorio. Non può prendere contatto con un giudice incaricato di una causa senza prima avvertire l’avvocato della parte avversa. Non può presentare a un giudice memorie, atti o altri documenti, se questi non siano stati comunicati in tempo utile all’avvocato della parte avversa. Nella misura in cui le regole di diritto non lo proibiscano, l’avvocato non può divulgare o sottoporre ai magistrati una proposta di definizione della lite fatta dalla parte avversaria o dal suo avvocato, senza l’autorizzazione espressa dell’avvocato della parte avversa.