Diffamazione a mezzo internet | Andria studio Legale Aduasio

Diffamazione a mezzo internet

Diffamazione a mezzo internet e accertamento del reato

Nota a sentenza Cass. penale n. 34406 del 06/08/2015

Con la sentenza n. 34406, depositata il 6 agosto 2015, la V sezione Penale della Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso dell’imputato, condannato in primo grado, con sentenza confermata in appello, di diffamazione (a mezzo internet) ai sensi dell’art. 595 c.p. e dell’art. 13 della Legge n. 47 del 1948, recante Disposizioni sulla stampa, nonché di trattamento illecito di dati personali ai sensi dell’art. 167 del d.lgs. n. 196 del 2003, in esecuzione del medesimo disegno criminoso ex art. 81 comma 2 c.p.

diffamazione a mezzo internet
L’imputato si rendeva colpevole, secondo l’accusa, della pubblicazione sul web di due annunci, apparentemente provenienti dalla ex-moglie, con i quali quest’ultima offriva prestazioni sessuali, corredandoli altresì, senza il consenso dell’interessata, dei suoi numeri di telefono.
Le censure mosse dalla difesa con ricorso per Cassazione attenevano in primis l’omessa motivazione in ordine alla valenza probatoria degli annunci, stampati da un’amica – non ascoltata né identificata dalla polizia – della persona offesa, il primo dei quali peraltro non riscontrato su uno specifico dispositivo di rete per via della cancellazione dei dati di identificazione da parte del gestore telefonico.
In secondo luogo l’avvocato dell’imputato N. lamentava la carenza di accertamenti in ordine alle caselle e-mail associate agli indirizzi IP e ai nominativi utilizzati dall’ignoto autore degli annunci, nonché sul computer dell’imputato e sul relativo disco fisso, paventando l’ipotesi che la connessione di N., non protetta da password, fosse stata utilizzata da terzi. Aggiungeva peraltro che anche il fratello e i figli minori di N. avevano accesso allo stesso PC.
La pronuncia della Suprema Corte appare particolarmente interessante in quanto, pur non ritenendo manifestamente inammissibili i motivi proposti con ricorso, li ritiene infondati sulla base di un “lineare percorso”.
Non pone particolari perplessità la ritenuta infondatezza del secondo motivo di ricorso. La sentenza in commento non dà invero alcuna importanza alla mancanza di accertamenti sul PC dell’imputato, in quanto ciò che viene in considerazione è il collegamento alla rete internet, che “potrebbe essere effettuato con qualsiasi Personal Computer collegato alla terminazione di rete (Modem o Modem/Router) della linea telefonica fissa (…), istallata presso l’abitazione della madre” di N.
Viene altresì considerata inverosimile l’ipotesi di thiefing da parte di terzi della rete Wi-fi non protetta, posto che “nessun altro aveva interesse a diffamare la F.”, e viene ritenuta priva di logica e di aderenza al senso comune “l’affermazione che autore del reato possa essere stato il fratello dell’imputato o uno dei figli di quest’ultimo”.
Passando ad esaminare il rigetto del primo motivo di ricorso, la Corte di Cassazione ritiene che il secondo annuncio postato su internet sia da far “risalire, senza possibilità di equivoci, al dispositivo informatico (elaboratore o PC) – in questo caso, il PC dell’imputato collegato alla rete informatica”, mentre con riferimento al primo annuncio – come già detto non riconducibile ad uno specifico dispositivo di rete a causa della cancellazione dei dati di identificazione da parte del gestore di telefonia – si asserisce che “esso, per le caratteristiche sue proprie e per il fatto che era praticamente sovrapponibile a quello del 27 agosto 2008, non poteva che provenire dall’imputato, già all’epoca mosso dallo stesso astio verso la moglie”.
Trattasi, secondo le parole della Suprema Corte, “di un percorso che si lascia apprezzare per aderenza a regole tecniche e a quelle della logica”.

Leggi su DIRITTO E PROCESSO

Contatta ora l’Avvocato Aduasio

    Il tuo nome (obbligatorio)

    La tua email (obbligatoria)

    Il tuo telefono (obbligatorio)

    L'Avv. Aduasio potrebbe contattarti telefonicamente: a che ora preferisci?
    Ore 9,00 / 12,00Ore 13,00 / 16,00Ore 17,00 / 21,00

    La tua richiesta in breve

    Il tuo messaggio

    Se desideri puoi inviare un documento o immagine inerente (max 3mb)

    Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo il D.Lgs 196/2003

    Contatta ora l'Avvocato

    tel. 0883 897474
    mob. 328 6503414
    fax 0883 1921240
    Andria – Piazza Ruggero Settimo, 24

    VOGLIO ISCRIVERMI ALLA NEWSLETTER

    L’Avvocato

    La sua missione non si limita alla esecuzione fedele di un mandato nell’ambito della legge. In uno Stato di diritto l’avvocato è indispensabile alla giustizia e a coloro di cui deve difendere i diritti e le libertà; egli è tanto il consulente quanto il difensore del proprio cliente.
    I rapporti di fiducia non possono esistere se vi è dubbio sulla onestà, la probità, la rettitudine o la sincerità dell’avvocato. Per l’avvocato queste virtù tradizionali costituiscono obblighi professionali.
    È nella natura stessa della missione dell’avvocato che egli sia depositario dei segreti del suo cliente e destinatario di comunicazioni confidenziali. Senza la garanzia della riservatezza non vi può essere fiducia. Il segreto professionale è dunque riconosciuto come un diritto e un dovere fondamentale e primordiale dell’avvocato. L’obbligo del segreto per l’avvocato serve l’interesse dell’amministrazione della giustizia così come l’interesse del cliente. È per questo che esso riceve una speciale protezione dallo Stato.
    Nel rispetto delle disposizioni di legge e deontologiche, l’avvocato ha l’obbligo di difendere sempre nel miglior modo possibile gli interessi del cliente, anche nel conflitto con i propri interessi, quelli di un collega o quelli della professione in generale.