Diffamazione a mezzo internet: necessario l’accertamento dell’indirizzo IP

avvocato penalista Andria | Avvocato Simona Aduasio

Diffamazione a mezzo internet:
necessario l’accertamento dell’indirizzo IP

Nota a sentenza Cass. Pen., sez. V, n. 5352 del 5.2.2018

accertamento indirizzo ip – Avvocato Andria

accertamento indirizzo ip

Diffamazione a mezzo internet:
necessario l’accertamento dell’indirizzo IP

Nota a sentenza Cass. Pen., sez. V, n. 5352 del 5.2.2018

Ai fini della condanna per diffamazione a mezzo internet è necessario che l’accusa provi di aver verificato l’indirizzo IP di provenienza della frase diffamatoria, nonché i cd. file di log, contenenti tempi e orari della connessione.

La diffamazione commessa a mezzo internet – ed in particolare a mezzo social network – è ormai da tempo sotto i riflettori della giurisprudenza di legittimità, che in più occasioni si è confrontata con le difficoltà rappresentate dall’accertamento di condotte poste in essere in rete.

La sentenza in commento si occupa per vero della rilevanza dell’accertamento dell’indirizzo IP con riferimento al reato di diffamazione a mezzo social network.

Nella vicenda in esame l’imputata veniva condannata in primo e in secondo grado alla pena ritenuta di giustizia ed al risarcimento del danno nei confronti della parte civile per il reato di cui all’art. 595, comma 3, del codice penale, per aver offeso la reputazione del sindaco del proprio Comune, diffondendo un messaggio diffamatorio attraverso il social network Facebook.

Con ricorso per Cassazione il difensore dell’imputata deduceva l’illogicità della motivazione e la violazione dei criteri legali di valutazione della prova, in contrasto con gli art. 111 Cost., 192 e 546 cod. proc. pen.

Difatti la Corte di appello aveva reputato riferibile all’imputata il messaggio postato sul social network Facebook sulla base dei seguenti indizi:

– la provenienza da un profilo riporta il suo nome e cognome;

– la natura dell’argomento di discussione del forum (riguardante pretese di lavoratori del Comune), di interesse della ricorrente, essendo l’imputata, all’epoca dei fatti, sindacalista;

– la circostanza che la stessa non avesse mai lamentato l’utilizzo abusivo da parte di altri del proprio nome e cognome, né avesse mai denunciato alcuno per furto di identità.

La ricorrente ha invece lamentato a mancata identificazione dell’indirizzo IP di provenienza del post, la mancanza di conoscenza della persona del sindaco da parte dell’imputata, l’assenza di qualsiasi contrasto con il predetto, il diverso ambito di interesse dell’attività sindacale rispetto ai lavoratori di cui al forum.

Viene peraltro censurata la motivazione della Corte di Appello nella parte in cui non prende in considerazione il dato dell’omessa verifica da parte dell’accusa dell’indirizzo IP di provenienza della frase diffamatoria, nonché con riferimento alla mancanza di prova fornita attraverso i cd. file di log, contenenti tempi e orari della connessione.

Orbene, con la pronuncia in esame la Corte di Cassazione ha accolto le doglianze della difesa, annullando la sentenza impugnata con rinvio ad altra sezione della Corte di Appello di Lecce.

La Suprema Corte ha infatti ritenuto che la sentenza di appello, non confrontandosi con tutte le argomentazioni antagoniste evidenziate nei motivi di gravame, abbia optato per una motivazione insufficiente circa il prospettato dubbio relativo all’eventualità che terzi abbiano potuto utilizzare il nickname dell’imputata, mandando il messaggio sul forum di discussione, mal utilizzando il criterio legale di valutazione della prova di cui all’art. 192, comma 2, cod. proc. pen., quanto alla convergenza, concordanza e precisione degli indizi posti a base della ritenuta responsabilità.

Avv. Simona Aduasio

Leggi su DIRITTO E PROCESSO
SCARICA LA SENTENZA

DIFFAMAZIONE A MEZZO INTERNET – AVVOCATO ANDRIA

Diffamazione a mezzo internet

Contatta l’avvocato Aduasio

DIFFAMAZIONE A MEZZO INTERNET – AVVOCATO ANDRIA

    Il tuo nome (obbligatorio)

    La tua email (obbligatoria)

    Il tuo telefono (obbligatorio)

    L'Avv. Aduasio potrebbe contattarti telefonicamente: a che ora preferisci?
    Ore 9,00 / 12,00Ore 13,00 / 16,00Ore 17,00 / 21,00

    La tua richiesta in breve

    Il tuo messaggio

    Se desideri puoi inviare un documento o immagine inerente (max 3mb)

    Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo il D.Lgs 196/2003

    Contatta ora l'Avvocato

    studio 0883 897474
    mob. 328 6503414
    fax 0883 1921240

    VOGLIO ISCRIVERMI ALLA NEWSLETTER

    L’Avvocato

    La sua missione non si limita alla esecuzione fedele di un mandato nell’ambito della legge. In uno Stato di diritto l’avvocato è indispensabile alla giustizia e a coloro di cui deve difendere i diritti e le libertà; egli è tanto il consulente quanto il difensore del proprio cliente.
    I rapporti di fiducia non possono esistere se vi è dubbio sulla onestà, la probità, la rettitudine o la sincerità dell’avvocato. Per l’avvocato queste virtù tradizionali costituiscono obblighi professionali.
    È nella natura stessa della missione dell’avvocato che egli sia depositario dei segreti del suo cliente e destinatario di comunicazioni confidenziali. Senza la garanzia della riservatezza non vi può essere fiducia. Il segreto professionale è dunque riconosciuto come un diritto e un dovere fondamentale e primordiale dell’avvocato. L’obbligo del segreto per l’avvocato serve l’interesse dell’amministrazione della giustizia così come l’interesse del cliente. È per questo che esso riceve una speciale protezione dallo Stato.
    Nel rispetto delle disposizioni di legge e deontologiche, l’avvocato ha l’obbligo di difendere sempre nel miglior modo possibile gli interessi del cliente, anche nel conflitto con i propri interessi, quelli di un collega o quelli della professione in generale.
    L’avvocato consiglia e difende il cliente tempestivamente, coscienziosamente e con diligenza. Egli assume personalmente la responsabilità del mandato che gli è stato affidato. Egli informa il cliente dell’andamento dell’incarico affidatogli.
    L’avvocato deve in ogni circostanza osservare il principio del contraddittorio. Non può prendere contatto con un giudice incaricato di una causa senza prima avvertire l’avvocato della parte avversa. Non può presentare a un giudice memorie, atti o altri documenti, se questi non siano stati comunicati in tempo utile all’avvocato della parte avversa. Nella misura in cui le regole di diritto non lo proibiscano, l’avvocato non può divulgare o sottoporre ai magistrati una proposta di definizione della lite fatta dalla parte avversaria o dal suo avvocato, senza l’autorizzazione espressa dell’avvocato della parte avversa.

    Studio Legale Avvocato Simona Aduasio